L’architettura protagonista da Driade a Milano

Driade, storica azienda milanese che da oltre 50 anni orienta i trend del Salone del Mobile, alla MDW19 ha presentato i progetti di due tra i più importanti studi di architettura internazionali. Con la direzione artistica di Fabio Novembre (il terzo architetto coinvolto da Driade) sono arrivati Bjarke Ingels fondatore di BIG e Michel Rojkind di Rojkind Arquitectos.  Per l’occasione Michel Rojkind ha realizzato una chaise longue in pelle e metallo interpretando al meglio le proprie origini messicane. Bjarke Ingels ha invece sviluppato una libreria totemica che ricorda il suo approccio progettuale agli edifici. Infine, Fabio Novembre con la sua nuova poltrona Italic ha provato a interpretare con un solo oggetto quella che sarà la direzione di Driade per il futuro: veloce, affascinante e sempre in movimento. Il flagship store che ha ospitato tutti i pezzi dei principali progettisti di Driade ha cambiato completamente veste. I tre livelli dello spazio hanno infatti assunto tre colori specifici che raccontano il brand. A piano terra ad accogliere il pubblico il rosso fuoco e le tre novità principali. Al primo piano un bianco etereo per i progettisti più minimali. Nel piano che affaccia sul cortile interno invece è il nero che invade lo spazio, e lo riveste completamente per i pezzi più rock di Driade fra cui anche Palazzi del maestro Mendini.

Anche quest’anno Driade ha coinvolto i creativi che operano a tutte le scale di progetto, come già accaduto nelle scorse edizioni con John Pawson, David Chipperfield, Kazuyo Sejima, Toyo Ito, Ron Arad e Philippe Starck e ovviamente Alessandro Mendini.

Info: http://www.driade.com